Ryanair “bacia” l’Aeroporto Internazionale di Napoli
15 Settembre 2017
Al via il IX Galà del Cinema e della Fiction in Campania
9 Ottobre 2017

“Tamburi di pace” al Museo di Pietrarsa

Il 07 Agosto 2017, nel piazzale esterno della location suggestiva e storica del Museo di Pietrarsa si è tenuto il concerto “Tamburi di Pace”, che ha visto la partecipazione di 80 giovani orchestrali provenienti da 12 paesi Europei e il contributo speciale del giornalista e scrittore Paolo Rumiz.

La European Spirit of Youh Orchestra, questo il nome dell’orchestra diretta dal Maetro Igor Coretti Kuret, ha scelto tra le tappe della tournée estiva 2017, proprio il Museo di Pietrarsa, in quanto edificio storico, simbolo della prima tratta ferroviaria italiana la Napoli- Portici e location dall’eleganza unica con vista sul Golfo di Napoli, quindi cornice perfetta per un concerto sinfonico.

Tutti i componenti dell’orchestra hanno raggiunto il Museo la mattina del 7 agosto, accolti nella suggestiva Cattedrale, adibita a camerino e sala prove, proprio in occasione del concerto. I ragazzi hanno visitato l’intera struttura e apprezzato l’affascinante panorama, per poi dedicarsi alle prove.

Il direttore d’orchestra ha sottolineato ai giovani orchestrali l’importanza storica del luogo citando i momenti salienti della storia dell’Officina di Pietrarsa e suscitando la curiosità dei ragazzi.

Alle ore 19.30 il Museo ha aperto le porte a tutti gli ospiti dell’evento che hanno potuto nell’attesa visionare l’intera collezione Museale e godere del tramonto sulla terrazza di Pietrarsa, per poi assistere ad un concerto unico.

La fanfara “Europa” di Giuseppe Farace, composta per l’occasione, ha aperto il concerto in maniera innovativa: i giovani ottoni hanno attraversato tutto il giardino del Museo suonando, per poi posizionarsi sul palco insieme agli altri orchestrali. La serata è proseguita tra colonne sonore di Hans Zimmer, un poema sinfonico di Holst, per poi concludersi con l’Inno alla gioia di Beethoven. I tutto è stato accompagnato dalla narrazione ipnotica del giornalista e scrittore Paolo Rumiz, e dai suoi magnifici testi sul tema del viaggio e del viaggio in treno.

Il Museo di Pietrarsa, ancora una volta si conferma location unica aperta ad ogni tipo di evento, dove anche la musica trova modo di esprimersi in maniera dignitosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Cliccando su "accetta" acconsenti all'uso dei cookie, ma puoi disattivarlo se lo desideri. Puoi scoprire di più su quali cookie stiamo utilizzando o come disattivarli nel riquadro in basso.

Impostazioni della Privacy
Nome Abilitato
Cookie Tecnici
Per utilizzare questo sito web usiamo i seguenti cookies tecnici necessari: wordpress_test_cookie, wordpress_logged_in_, wordpress_sec.
Cookies
Utilizziamo i cookie per offrirti un'esperienza migliore sul sito web.
Privacy Policy
Verifica se hai accettato la nostra privacy policy.
Termini e Condizioni
Controlla se hai accettato i nostri Termini e Condizioni.
Facebook
Usiamo Facebook per tracciare connessioni ai canali dei social media.